Non è questo il tempo di tacere. E leggere, guardare film, ascoltare musica, andare per mostre, parlare anche “solo” di cultura è adesso una forma di resistenza.